Quattordicesima e maternità anticipata

Avvocato Alessandro Lacchini A cura di Avvocato Alessandro Lacchini Pubblicato il 02/07/2018 Aggiornato il 01/08/2018

Durante la maternità anticipata permane il diritto tanto alla tredicesima, quanto alla quattordicesima; tuttavia entrambe vengono frazionate di mese in mese e non liquidate con il metodo ordinario, in uniche soluzioni.

Una domanda di: Lidia
Buongiorno avvocato. Questa mattina ho ricevuto la busta paga con la 14^ ma con una cifra irrisoria. Ho chiesto delucidazioni in merito all’impiegata della sede e mi ha risposto che essendo in maternità anticipata mi viene pagata solo il 20%. Sono una dipendente inquadrata come impiegata nel settore del commercio. La ringrazio anticipatamente.
Alessandro Lacchini
Alessandro Lacchini

Cara Lidia,
di seguito le condizioni applicabili al Suo caso:
durante il periodo di maternità anticipata spetta la stessa retribuzione prevista durante quella obbligatoria, con conseguente diritto a percepire l’80% della retribuzione ordinaria (integrabile al 100% a seconda del CCNL).
Trattandosi, se ho ben inteso, di un contratto a tempo indeterminato, l’indennità viene corrisposta dall’INPS direttamente al datore di lavoro, il quale provvederà poi al regolare pagamento mensile ed all’invio della busta paga al dipendente.
Per quanto concerne le mensilità, durante la maternità anticipata permane il diritto tanto alla tredicesima, quanto alla quattordicesima; tuttavia, entrambe, vengono frazionate di mese in mese e non liquidate con il metodo ordinario, in uniche soluzioni.
Se verifica nella buste paga precedenti, dunque, dovrebbe individuare una somma aggiuntiva, che rappresenta il rateo di tredicesima e quattordicesima per il mese.
Alle scadenze in cui in passato ha ricevuto tredicesima e quattordicesima (dicembre e fine giugno/luglio), pertanto, non riceverà le somme cui è abituata, ma un importo maggiorato al massimo del 20%, corrispondente alla parte di mensilità aggiuntiva dovuta dal datore di lavoro.
A disposizione per ogni ulteriore chiarimento. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Assorbenti interni: li può usare una ragazzina di 11 anni?

16/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Sara De Carolis

Non ci sono controindicazioni mediche all'uso degli assorbenti interni fin dalla prima adolescenza. Va tenuto presente, però, che per applicarli correttamente la ragazzina deve imparare a conoscere bene la propria anatomia.   »

Bimbo di tre anni che dà testate e pizzicotti quando è contento

15/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Ci sono gesti che compie il bambino che è opportuno impedire: per farlo occorrono toni e atteggiamenti di affettuosa determinazione.   »

Lo zucchero è vietato in assoluto ai bambini?

14/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Alimenti e bevande contenenti lo zucchero che si usa normalmente in cucina a scopo dolcificante non sono vietati in assoluto, ma non è certo opportuno concederli ogni giorno. In un'ottica di dieta sana devono essere introdotti solo occasionalmente (e questo vale anche per gli adulti).   »

Fai la tua domanda agli specialisti