Quinto cesareo e previsione catastrofiche di due medici

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 23/05/2022 Aggiornato il 23/05/2022

Un quinto cesareo non apre necessariamente la strada a complicanze gravissime, tuttaviaper non correre troppi rischi è più che opportuno affrontarlo in un centro di alta specializzazione (III livello).

Una domanda di: Mery
Ad agosto dovro affrontare un 5° cesareo: sono terrorizzata perché due medici mi hanno detto che rischio la vita: è davvero cosi? Dall’ultimo (il quarto) sono passati quasi quattro anni.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, l’unico ragionevole consiglio che posso darle è quello di andare a partorire in un centro di III livello, ovvero un centro dove siano presenti chirurghi ginecologi abituati a questo tipo di interventi, anestesisti e rianimatori, chirurghi di altre specialità per eventuali complicanze intraoperatorie e anche la banca del sangue. Non è la prima né sarà l’ultima donna ad affrontare un quinto cesareo ma se la placenta è inserita normalmente [ovvero non è previa, cioè posizionata sul collo dell’utero, cosa che dovrebbe già sapere dall’ecografia], certamente non sarà un intervento dei più semplici, ma neppure dalle conseguenze catastrofiche, come le hanno prospettato. Tuttavia, segua il mio consiglio, e vada a partorire, se già non lo ha programmato, presso un centro specializzato così da limitare al massimo il rischi. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti