Raffreddore e mal di gola: può essere scarlattina?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 09/04/2019 Aggiornato il 18/11/2019

La scarlattina si manifesta inizialmente con sintomi simili a quelli dell'influenza, a cui segue però la comparsa del caratteristico esantema.

Una domanda di: Elena
Mia figlia, di 4 anni, venerdì ha giocato a casa di un’amica a cui oggi (lunedì) é stata diagnosticata la scarlattina. Mia figlia é molto raffreddata e sabato sera e domenica mattina ha lamentato un forte mal di gola, soprattutto mentre beveva, poi scomparso. Possibile che sia un sintomo della scarlattina? Vi ringrazio.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara mamma,
la scarlattina, che è causata dal batterio streptococco, si manifesta con la comparsa di un esantema caratterizzato da numerosi puntini rossi vicinissimi tra loro che a volte danno prurito. Le zone più interessate sono il viso e il tronco, l’incavo delle ascelle, la piega del gomito. Il contorno della bocca può apparire più pallido del resto del viso e la punta della lingua può diventare rossa. Sulle tonsille possono comparire delle placche. Uno-due giorni prima della comparsa dell’esantema si manifestano raffreddore, mal di gola e febbre, a volte anche molto alta (40° C). Tutti i sintomi compaiono generalmente 5-8 giorni dopo il contagio. Se i disturbi che mi ha riferito (raffreddore, mal di gola) dovessero ripresentarsi le consiglio di sentire il pediatra curante, il quale deciderà se effettuare un tampone faringeo rapido allo scopo di stabilire se è in atto un’infezione da streptococco. A maggior ragione, il pediatra è da contattare immediatamente se dovessero apparire i primi puntini rossi. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti