Raffreddore in allattamento: che fare?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 10/08/2021 Aggiornato il 10/08/2021

Se i rimedi naturali non bastano, il paracetamolo può essere assunto.

Una domanda di: Debora
Ho una bimba di quasi 5 mesi che allatto a richiesta, domenica scorsa
sono andata in piscina nonostante piovesse e facesse freddo così mi sono presa un mega
raffreddore. Cosa posso prendere per curarmi? E alla bimba succede
qualcosa?
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
latte e miele e lavaggi nasali con soluzioni saline sono i rimedi a cui si può ricorrere senza problemi. Se però dovesse salirle la febbre o la congestione nasale dovesse diventare così importante da ostacolare la respirazione, può senz’altro assumere del paracetamolo per bocca, anche se sta allattando. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di 9 mesi che si sveglia numerose volte ogni notte

23/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Roberta Levi

L'imperativo è "armarsi di pazienza" perché i risvegli notturni non si risolvono da un momento all'altro. Ci vogliono tempo e qualche trucco "da mamma".   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti