Raffreddore o rinite allergica?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 16/04/2018 Aggiornato il 16/04/2018

Per sapere se il raffreddore ha un'origine allergica occorre fare gli specifici test.

Una domanda di: Sabina
Vorrei sapere come distinguere un banale raffreddore che non passa da una rinite allergica. Mio figlio di 13 anni ha da due settimane un continuo raffreddore, senza febbre, ma molto fastidioso, che non se ne vuole andare. C’è da dire che il ragazzo gioca a calcio e proprio in questi giorni anche sotto la pioggia ma il fatto che non passi e che le secrezioni restino sempre fluide mi fa pensare a qualcosa di allergico. però, mi dico, siamo a Milano e con il brutto tempo di questi giorni non dovrebbero esserci molti elementi che scatenano allergia… Non so più che cosa pensare!
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara mamma, la cosa migliore sarebbe far eseguire i test allergici al ragazzo, per controllare la sua risposta ai maggiori allergeni (graminacee, alberi, parietaria, acari, peli di animali, muffe)
Nonostante la pioggia, devo dire che i bambini allergici risentono della situazione primaverile, anche se magari con sintomi più lievi (modesto raffreddore, occhi non infastiditi). In generale, la rinite allergica può dare una sensazione di naso chiuso, di interno delle narici “gonfio” maggiore rispetto a quanto si avverte con il raffreddore normale, nonché a volte una superiore perdita del gusto durante i pasti. Non è comunque una regola assoluta, perché appunto è possibile che l’allergia si manifesti con disturbi modesti. Ripeto: per togliersi il dubbio ci vogliono i test. A sua disposizione, se desidera. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Leo Venturelli
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti