Ragazzino con capogiri

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 10/10/2019 Aggiornato il 10/10/2019

Le cause dei giramenti di testa possono essere varie e richiedono una scrupolosa valutazione della condizione generale, incluso lo stile di vita.

Una domanda di: Ilaria
Mio figlio ha 13 anni e mezzo. Da una settimana soffre di giramenti di testa e leggere emicranie improvvise. La pressione misurata è bassa ma
alcuni esami ematici fatte in Pronto soccorso vanno bene. Si manifesta il giramento dopo circa 1 ora e mezzo dopo i pasti. La glicemia va bene … potrebbe essere uno squilibrio ormonale visto che sta crescendo molto? È cresciuto di 6 cm in 5 mesi. Grazie.

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
se i giramenti di testa dovessero persistere parlerei con il pediatra curante per valutare con lui l’opportunità di effettuare una visita oculistica ed eventualmente un controllo dall’otorino, per escludere che questi capogiri siano legati alla vista o all’orecchio interno (evenienza che ha carattere benigno!). Da valutare comunque anche la qualità del sonno del suo ragazzino: dorme abbastanza ore? Prima di coricarsi si dedica ad attività eccitanti che possono disturbare l’addormentamento? Si corica presto (massimo entro le 21,30) almeno durante la settimana? Occorre poi capire quante ore passa davanti agli schermi di tablet, pc, cellulare (se già ce l’ha) impegnato con i videogiochi. Questi ultimi non sono da demonizzare (se non propongono scene e azioni violente) tuttavia il loro uso deve essere limitato (massimo un’ora al giorno, meglio s enon consecutiva) perché altrimenti possono avere un effetto stressante, che può ripercuotersi sul benessere generale fino addirittura a causare capogiri. Infine, va considerato il tipo di alimentazione: suo figlio mangia in modo sano, vario ed equilibrato? Assume frutta e verdura? Mangia carboidrati complessi (pasta, riso e così via) a sufficienza? Mangia piatti molto elaborati, o fritture abitualmente? Insomma, in simili casi si deve prendere in considerazione l’intero stile di vita. Mi tenga aggiornato, se lo desidera. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti