Rallentamento crescita a 7 mesi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/02/2016 Aggiornato il 09/02/2016

Dai 7 mesi di età, una bimba ha cominciato a crescere poco. Dopo i controlli per celiachia o diabete, la mamma pensa si tratti di intolleranza alle proteine del latte e vuole provare una dieta apposita. Risponde la dottoressa Bertocchini

Una domanda di: Mara
Salve,

sono la mamma di una bimba di 15 mesi, nata a termine, peso alla nascita 4 kg. La bimba è cresciuta normalmente fino ai 7 mesi, poi abbiamo notato un rallentamento. La pediatra ci fece fare analisi del sangue e urine per diabete e celiachia. Tutto negativo per fortuna, ma la bimba continua ad aver poco appetito. Sto sospettando un’allergia alle proteine del latte o intolleranza al lattosio, quindi avrei intenzione di provare ad escludere tutto ciò che contiene latte oppure darle latte senza lattosio. Secondo lei posso fare questa prova senza nuocere alla sua salute? Per quanto tempo? Attualmente la bimba beve latte crescita liquido numero 3, potrei provare con latte di riso? Grazie mille. Cordiali saluti.

Dottoressa Alessia Bertocchini
Dottoressa Alessia Bertocchini

Allergia alle proteine del latte vaccino e intolleranza al lattosio (zucchero) sono due cose diverse. La prima va accertata con esami ematici IgE totali e RAST specifico e/o prick test (limite età della bambina), l’intolleranza al lattosio con la dieta di esclusione del lattosio non del latte perché per il Breath test per lattosio la collaborazione della piccola non ci sarebbe. Questi disturbi, però, sono associati spesso ad una sintomatologia clinica specifica per cui le consiglio, prima di fare qualsiasi scelta, di parlarne bene con la pediatra che segue la bambina.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti