Rallentamento della crescita fetale rilevato dall’ecografia

Dottoressa Patrizia Mattei A cura di Dottoressa Patrizia Mattei Pubblicato il 20/04/2023 Aggiornato il 20/04/2023

Un rallentamento della crescita rilevato durante il controllo ecografico deve necessariamente essere interpretato da chi esegue l'indagine.

Una domanda di: Elisa
Buongiorno, fino alla settimana 31 il bimbo presentava Cereb hill 44° percentile, Hc 89° percentile (tre settimane più avanti). Alla fine della settimana 35 siamo passati a Cereb hill 14° percentile (una settimana indietro), Hc 31° percentile. Mi preoccupa il “rallentamento” di crescita della testa (rispetto alla curva di crescita sempre tenuta), nonché la dimensione ai limiti bassi del cervelletto. In queste misurazioni il bimbo è sempre stato cefalico.
Patrizia Mattei
Patrizia Mattei

Gentile signora, le misurazioni della crescita fetale sono parzialmente operatore-dipendente e apparecchio-dipendente. L’unica maniera per assicurarsi che tutto sia nella norma è controllare in maniera seriata i valori, possibilmente con lo stesso operatore. La persona poi più indicata per interpretare il tutto è il medico che la segue in gravidanza che ha anche modo di valutare i suoi esami infettivologici e di richiederne altri qualora si evidenziasse realmente una rallentata crescita della testa fetale.
Purtroppo di più non posso dirle al momento anche se mi pare, da quello che mi scrive che i valori siano, per il momento, ancora nell’ambito della normalità. Un saluto e un augurio.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti