Rapporti non protetti nei giorni fertili: può iniziare una gravidanza?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 09/06/2022 Aggiornato il 09/06/2022

È una certezza: una donna fertile che ha rapporti non protetti nei giorni dell'ovulazione può dare inizio a una gravidanza. Ma non è detto che questo accada con sicurezza matematica: a volte è possibile ci vogliano alcuni mesi prima di rimanere incinta, anche in assenza di particolari problemi.

Una domanda di: Frafra
Ho avuto un rapporto non protetto il 2 giugno 2022 ed era il mio giorno fertile. Ad oggi sono un po’ di giorni che sento tensione al basso ventre e non riesco ad andare in bagno. Vorrei sapere se posso essere incinta e se posso già fare il test. Grazie.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile Francesca, una donna giovane (come penso lei sia) in età fertile che ha un rapporto sessuale nel periodo dell’ovulazione (periodo fertile) può senza ombra di dubbio rimanere incinta perché è proprio così che, se non ci sono problemi che rendano necessario il ricorso alla procreazione medicalmente assistita, iniziano le gravidanze. Quindi alla sua prima domanda rispondo sì, potrebbe essere incinta. Ma potrebbe anche non esserlo, perché il corpo della donna non funziona come un computer, non basta premere un pulsante per ottenere che si accenda. Si stima che una donna giovane abbia circa il 30 per cento di probabilità di rimanere incinta per ogni ciclo mensile, quindi per ogni ovulazione. Una coppia giovane e sana di norma entro un anno di tentativi riesce a concepire. A volte, quindi, possono trascorrere anche alcuni mesi prima che il concepimento avvenga.  Per quanto riguarda i sintomi che lei riporta si può escludere che a sette giorni dal rapporto siano in relazione con una gravidanza e questo vale anche se il concepimento è avvenuto. A proposito del test, direi che è un po’ presto per effettuarlo: l’ideale, per essere sicuri del risultato, è eseguirlo a partire dal primo giorno di eventuale ritardo delle mestruazioni. Va bene quello che si esegue sulle urine, con l’apposito kit fai-da-te. Dopodiché, se il risultato fosse positivo le consiglio di non iniziare l’iter dei dosaggi dell’ormone beta-hCG nel sangue, che impone vari prelievi. Una volta appurato con il test effettuato sulle urine che la gravidanza è iniziata basta così per quanto riguarda le analisi. Prenoti invece, con calma, il primo controllo ginecologico con ecografia, che le consiglio vivamente di non affrontare prima della sesta settimana finita. Diversamente c’è la possibilità che in utero non si veda nulla, nonostante magari vada tutto bene. Le ricordo di assumere l’acido folico nella dose di una compressa al giorno da 400 microgrammi: serve a prevenire gravi malformazioni del bambino. Va preso per tutto il periodo della ricerca della gravidanza fino almeno al termine del primo trimestre. Infine, mi permetto di consigliarle di rallentare, di adeguare i suoi ritmi a quelli della natura: la gravidanza è lunga, meglio avere meno fretta. Mi tenga aggiornato, se lo desidera. Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti