Reflusso: può essere causa di una “cattiva nanna”?

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 18/12/2023 Aggiornato il 18/12/2023

Il reflusso è un sintomo che, se associato a un'importante perdita di peso, richiede di cercarne l'origine rivolgendosi a un centro accreditato di gastroenterologia pediatrica.

Una domanda di: Chiara
Ho una bimba di nove mesi in cura con esomeprazolo e alginato per reflusso. Allattata al seno, ha sempre fatto fatica a mangiare, con pianto e
irrequietezza al seno, vomito a getto, tosse; è scesa progressivamente dal 60° percentile al 5°. Mangiava solo in dormiveglia. Non è ancora svezzata, fa un po’ di assaggi che non sono pasti completi (se insistiamo piange). Oltre alla fatica con lo svezzamento la cosa più difficile al momento è il sonno: non ha mai dormito più di due ore consecutive, solitamente si sveglia ogni ora. Molte notti si lamenta costantemente anche durante quell’oretta di sonno, e se non intervengo dandole qualche pacca sul sedere o cose simili si
sveglia del tutto e piange. Il risultato è che passo le notti sveglia a consolarla per non far svegliare lei, perché quando si sveglia è più difficile da riaddormentare. Cerco di non allattarla prima di tre ore per farla digerire e la tengo nella next to me molto inclinata. Non c’è nessuna differenza nei risvegli neanche se dorme a contatto nel lettone o in braccio (abbiamo fatto le prove). C’è altro che posso fare per migliorare il suo sonno? Posso sperare che migliori notevolmente quando avrà un anno?
Ho paura che il fastidio dovuto al reflusso le stia facendo prendere “cattive abitudini” rispetto al sonno, che rimarranno anche quando starà meglio.
Preciso che sono attenta a farla riposare il giusto durante il giorno, dorme 45 minuti in tarda mattinata e un’ora e mezza il pomeriggio (anche qui dopo
un’ora si sveglia e la riaddormento perché altrimenti rimane troppo stanca). In genere la addormento al seno oppure cullandola e la metto nella culla quando è quasi addormentata del tutto, poi resto lì a darle qualche pacca finché non dorme del tutto.
Immagino che sia difficile rispondere a una domanda del genere e che non esistono risposte valide universalmente, ma le chiedo ugualmente un confronto.
Grazie mille e buon lavoro.
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Cara signora.
non è possibile rispondere anche perché la perdita di peso non indifferente impone di indagare sull’origine di quanto accade a questa bambina. Il reflusso è infatti un sintomo, non una malattia in sé, in altre parole è legato a una causa che deve essere cercata e trovata. Mi rivolgerei senz’altro a un servizio di Gastroenterologia pediatrica accreditato. Per quanto riguarda il sonno proabilmente lei sta già facendo quanto possibile per favorirlo, ma se tutte le difficoltà che descrive sono in relazione con un problema che non è ancora stato individuato e, quindi, risolto non sarà facile superarle prima di eliminare la causa a monte di tutto. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti