Regressione del linguaggio in un bimbo di 18 mesi

A cura di Dottor Giorgio Rossi Pubblicato il 03/07/2023 Aggiornato il 03/07/2023

L'iter dello sviluppo procede per avanzamenti e regressioni, quindi è normale che vi siano delle battute di arresto su alcuni ambiti mentre su altri ci sono dei progressi. Ma se i genitori hanno il dubbio che ci sia qualcosa che non va è meglio approfondire.

Una domanda di: Mariateresa
Sono un po’ preoccupare per mio figlio: a 18 mesi non parla, prima diceva mamma ogni tanto e chiamava papà, sempre diceva grazie e imitava qualche verso di animale ma ora niente, da un po’ di tempo non vuole parlare indica le cose, mi guarda se lo chiamo, se gli dico di andare a prendere la palla a volte va altre mi fa ciao con la manina, batte il 5, ora mi sono un preoccupata che non sia una forma di autismo: cosa ne pensate ? In più e un bambino che piange spesso è nervoso. Attendo una vostra risposta.
Giorgio Rossi
Giorgio Rossi

Buon giorno, a 18 mesi come in altre età dello sviluppo si procede per avanzamenti e regressioni, nuove acquisizioni rallentano quelle precedenti. Il bambino indica, risponde, esegue ordini semplici, gli elementi che segnala sono positivi e contrastano con la sua preoccupazione. Che pianga spesso e sia “nervoso” (come lei lo definisce) è da comprendere, le motivazioni possono essere le più varie. Immagino che dorma bene, visto che non segnala problemi di sonno. In ogni caso, con il dubbio della regressione e i problemi di umore che rileva, vale la pena di consultare un neuropsichiatra ed esprimere più ampiamente le vostre osservazioni e ricevere la sua osservazione specialistica. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti