Resistenza insulinica in vista del concepimento

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 10/06/2023 Aggiornato il 19/06/2023

La resistenza-insulinica è una condizione che espone al rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Per risolverla, come è bene fare prima di iniziare una gravidanza, è opportuno non limitarsi ad assumere metformina ma agire anche sullo stile di vita, mangiando meno e meglio e muovendosi di più.

Una domanda di: Jessica
Le volevo chiedere una informazione in quanto ho dei dubbi. Ho fatto delle analisi specifiche perché sono alla ricerca di una gravidanza, e tra i miei valori è uscito fuori che ho la glicemia alta. Il mio risultato è 99 rispetto a 70-106. Il medico mi ha prescritto slowmet 500 per un bel po’ di mes in quanto ritiene che io sia a rischio di diabete alimentare. Volevo un suo parere in merito, grazie in anticipo.
Gianni Bona
Gianni Bona

Cara signora, lei titola la sua email con la locuzione “insulino-resistenza”, quindi deduco che il suo medico le abbia fatto questa diagnosi, dopo averle ventilato il rischio di sviluppare anche il diabete di tipo 2, detto delle età adulta, ma anche, sia pure in modo meno ortodosso, “alimentare” in quanto di fatto legato a una dieta scorretta, ovvero ipercalorica e ricca di dolciumi. L’insulino-resistenza è in effetti la condizione che lo precede, la sua anticamera nonché la corresponsabile della sua comparsa. È caratterizzata dall’incapacità dell’insulina, che è l’ormone secreto dal pancreas la cui funzione è di veicolare lo zucchero nelle cellule, di svolgere correttamente il suo compito. Il pancreas, nel tentativo di porre rimedio a questo difetto d’azione dell’insulina, inizia a produrne in quantità maggiori, ma questo meccanismo compensatorio, che ha lo scopo di consentire alle cellule di ricevere il nutrimento (lo zucchero) che ne garantisce la sopravvivenza, spesso fallisce. Accade quando la persona continua a mangiare in modo inappropriato. Le conseguenze della resistenza insulinica non compensata sono tre, tutte piuttosto gravi: l’insulina prodotta in eccesso trasforma gran parte degli zuccheri introdotti con il cibo in depositi adiposi (la persona infatti continua a ingrassare) mentre la quota non trasformata in grasso rimane nel sangue, aumentando il livello della glicemia fino al limite di guardia (126), dopo il quale il diabete si conclama in maniera irreversibile. Ma non solo: l’aumento dell’insulina incrementa l’appetito, spinge a mangiare più carboidrati, creando un circolo vizioso difficile da spezzare. La persona anche per questo continua a ingrassare, come conseguenza del fatto che tende a mangiare sempre di più o comunque molto di più rispetto al suo fabbisogno. Sono dunque molto d’accordo sulla necessità che lei risolva la sua resistenza insulinica, molto meno sull’affidare solo alla metformina (Slowmet) questo compito. Il rischio è infatti che lei pensi che possa bastare, ma non è così. O forse ha semplicemente omesso le raccomandazioni che il medico le ha dato rispetto allo stile di vita da seguire, con particolare riferimento all’alimentazione. Non mi dice quanto pesa, ma probabilmente si discosta dal peso ideale e anche questo può essere di ostacolo anche rispetto alla possibilità di avviare una gravidanza. Le donne in sovrappeso, infatti, tendono a ovulare male (come si dice in gergo ostetrico) cioè a produrre ovociti difettosi che non possono essere fecondati. Il mio consiglio è di iniziare fin da ora a seguire un’alimentazione sana e ragionevolmente calorica. Eliminerei completamente gli zuccheri semplici (bevande zuccherine, biscotti, torte e così via) mantenendo nei pasti principali una quota di carboidrati complessi (pane, pasta, riso) meglio se integrali. Da tenere ben controllate sono senz’altro le quantità. Iniziare il pasto con della verdura aiuta molto: attenzione però al condimento, l’olio (meglios eextravergine d’oliva) deve essere dosato attentamente e con grande parsimonia. Allo stesso tempo, sarà più che opportuno che lei inizi a fare attività fisica: camminare ogni giorno per almeno 45 minuti, a passo sostenuto, può essere più che sufficiente. Per quanto riguarda la metformina, il suo uso è sconsigliato in gravidanza, quindi se mai dovesse rimanere incinta mentre la sta assumendo dovrà parlare con il ginecologo del da farsi rispetto al farmaco, cioè per controllare la resistenza insulinica e scongiurare il rischio di sviluppare il diabete pur sospendendolo. Per finire, tenga presente che le donne con resistenza insulinica sono fortemente a rischio di sviluppare il diabete gestazionale (è una forma di diabete che colpisce appunto le donne incinte) e che questa eventualità mette in pericolo sia la futura mamma sia il bambino. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti