Richiamo antivaricella: è da fare in vista del concepimento?

Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il Aggiornato il 23/10/2018

Il richiamo della vaccinazione contro la varicella è senza dubbio da effettuare in vista di una gravidanza. E' importante però essere sicure che il concepimento non sia già avvenuto. Ma non è questo l'unico vaccino con cui è bene "essere in regola" prima del concepimento.

Una domanda di: Cristina
Salve, ho una domanda da porvi circa le
vaccinazioni. In previsione di una
gravidanza, ho aperto il mio libretto
delle vaccinazioni e ho notato che non
ho fatto il richiamo della varicella
che avrei dovuto fare nel 2014. Posso
farla ora anche se ho 26 anni? Posso
farla insieme a quella della rosolia?
Per una futura gravidanza quali
vaccinazioni sono fondamentali? Grazie mille.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, mi permetto di farle i complimenti perché si sta preparando davvero con grande accuratezza alla gravidanza…non sono tante le donne così scrupolose!
Approfitto della sua domanda per fare il punto sulle vaccinazioni utili PRIMA del concepimento e anche su quelle utili DURANTE la gravidanza.
Per quanto riguarda le prime, sicuramente è utile aver effettuato la vaccinazione cosiddetta MPR (acronimo di Morbillo-Parotite-Rosolia) in quanto si tratta di malattie pericolose per il bimbo se contratte proprio durante i nove mesi di attesa.
Nelle donne che cercano la gravidanza e risultino recettive (ossia sprovviste di anticorpi) per Rosolia, Morbillo, Parotite e/o Varicella è di prassi raccomandare la vaccinazione a patto che la donna non sia già incinta e posticipando di un mese la ricerca della gravidanza stessa (per sicurezza, anche se non si sono mai verificati problemi correlati in caso di esposizione più ravvicinata).
Esistono sia il vaccino trivalente MPR, sia quello monovalente per Varicella, che quello tetravalente che combina i 4 virus in un unico vaccino.
Sempre in fase preconcezionale, ogni 10 anni è raccomandato il richiamo per DTPa (acronimo di Difterite-Tetano-Pertosse acellulare)
Questo ultimo vaccino, inoltre, è raccomandato nel terzo trimestre di gravidanza (dalla 28° settimana) perché aiuta a proteggere il nascituro in particolare dalla pertosse, finché non sarà vaccinato il bimbo.
Anche la vaccinazione anti-influenzale è raccomandata alle gravide che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, in quanto la mamma contagiata dall’influenza rischia di sviluppare complicanze serie respiratorie e anche ostetriche (ospedalizzazione, prematurità, parto cesareo, distress respiratorio fetale…) inoltre, grazie alla vaccinazione da parte della mamma, i neonati saranno meno soggetti a infezioni delle alte vie respiratorie e otiti medie fino ai 12 mesi di vita.
Questo effetto protettivo sul bambino è garantito dal passaggio di anticorpi specifici (Immunoglobuline di tipo G) attraverso la placenta. Questi anticorpi di origine materna rimangono in circolo per alcuni mesi dopo la nascita e proteggono il bambino, nel mentre che il suo apparato immunitario si sviluppa sempre meglio. E’ come se la mamma prestasse al figlio una memoria immunitaria, così da aiutarlo a difendersi dalle malattie (come canta Franco Battiato nella canzone “La cura”), ma attenzione: queste difese non dureranno che alcuni mesi! Per questo sarà cruciale sottoporre il bimbo alle vaccinazioni raccomandate, come certamente le indicherà il suo pediatra.
Se volesse approfondire il tema, le segnalo la pagina dedicata del Ministero della Salute:
http://www.trovanorme.salute.gov.it/norme/renderNormsanPdf?anno=2018&codLeg=65188&parte=1%20&serie=null
A disposizione per ulteriori chiarimenti, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Elisa Valmori
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Cosa mangiare in allattamento?

In allattamento si può continuare a mangiare tutto quello che si assumeva in gravidanza, compresi cipolle, cavoli, e spezie piccanti. L'unica restrizione riguarda l'alcol, come nei mesi dell'attesa: non bisogna assumerlo neanche occasionalmente.   »

Bimbo che non vuole stare a pancia in su e rischio di SIDS

Almeno fino ai sei mesi di vita è importante cercare di indurre il bambino a mantenere la posizione supina durante il sonno. E se si gira sempre? Si può provare un trucco ...  »

Gemellina e addio al pannolino

Può accadere che un bambino non faccia volentieri la pipì nel water perché non si sente sicuro per le più svarite ragioni (che i genitori possono facilmente scoprire).  »

Fai la tua domanda agli specialisti