Riduttore per lettino: serve?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 22/03/2021 Aggiornato il 22/03/2021

Il riduttore da usare nel lettino ha un senso solo nei primi mesi di vita.

Una domanda di: Giorgia
Volevo un consiglio. Ho acquistato un lettino per mia figlia ma siccome ho paura che farla dormire lì sia troppo grande volevo sapere se è consigliato l’acquisto di un riduttore per lettino tipo materassino. Ho letto che può favorire la SIDS (Sudden Infant Death Syndrome o sindrome della morte improvvisa del lattante). E’ vero?! Grazie
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Il riduttore del lettino a forma di materassino a ferro di cavallo può essere usato a patto che NON abbia fondo o bordi eccessivamente morbidi, tipo cuscini di piume: questo riduttore ha senso solo nei primi mesi di vita, fintanto che il bambino non è in grado di girarsi. Serve soprattutto a mantenere la postura a pancia in su che è la prima regola per la prevenzione della SIDS.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sui rischi di un quarto cesareo

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In caso di quarto cesareo i rischi ci sono e se ne deve tenere conto. Affidarsi a un centro altamente qualificato è d'obbligo per avere la certezza di ricevere un'assistenza adeguata.   »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti