Rigurgito della tricuspide rilevato dall’ecografia della 12ma settimana

Dottoressa Elsa Viora A cura di Dottoressa Elsa Viora Pubblicato il 06/06/2022 Aggiornato il 07/06/2022

La presenza di un rigurgito della tricuspide nel feto è uno dei segnali che potrebbe (potrebbe! Non si tratta di una certezza) associarsi ad anomalie cromosomiche.

Una domanda di: Francesca
Salve sono a 12 settimane + 1 giorno e dall’esame di screening hanno riscontrato nell’incertezza un rigurgito della tricuspide, dicendo che al momento il feto è molto piccolo e quindi potrebbe non essere sicuro però sarà meglio approfondire. Dopodiché mi hanno consigliato di fare il test del dna fetale: posso sapere voi cosa pensate? Sono andata in panico pensando che il mio bambino possa avere problemi … voglio sperare che tutto vada a posto e con la crescita del feto questo rigurgito venga riassorbito…spero di avere qualche risposta per stare più tranquilla. Grazie anticipatamente.
Elsa Viora
Elsa Viora

Gentile Francesca, la valutazione della valvola tricuspidale per evidenziare la presenza di eventuale reflusso rientra nei cosiddetti “marker ecografici aggiuntivi” oltre alla misura della translucenza nucale (NT Nuchal Translucency) che si eseguono solo in alcune situazioni quali una misura aumentata della NT. Questi segni consentono di individuare i feti a maggiore rischio di anomalie cromosomiche e vanno considerati insieme agli altri dati ecografici (misura della NT, prima valutazione della anatomia del feto) ed ai dati biochimici (dosaggio di PAPP-A e beta-HCG). Non sono una malformazione del feto, ma segni ecografici che si associano ad un rischio aumentato (rischio, non certezza!) di anomalie cromosomiche. La scelta se eseguire o meno il test del DNA fetale va presa valutando vari aspetti, primi tra tutti le informazioni che il test ci può dare (maggiore sensibilità e specificità rispetto ai test “tradizionali”), i limiti del test, l’esito dell’ecografia. In generale, vi è indicazione a fare il test del DNA fetale se l’ecografia rileva NT nella norma ed assenza di malformazioni fetali. Se le hanno consigliato di eseguire questa indagine, evidenetemente la ritengono opportuna. Spero di esserle stata di aiuto.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti