Rimanere incinta dopo un aborto spontaneo

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 08/02/2021 Aggiornato il 08/02/2021

Un evento sfavorevole, quale è un'interruzione volontaria della gravidanza, può favorire l'instaurarsi a breve di una nuova gravidanza.

Una domanda di: Lavinia
Putroppo la mia gravidanza si è fermata a 7 settimane, le beta-hCG sono aumentate di pochissimo rispetto a 7 giorni prima e dall’ ecografia il ginecologo mi ha detto che stava regredendo tutto: camera gestazionale, sacco vitellino ed embrione. Quindi niente più battito. Non so cosa sia successo perchè la settimana prima era tutto apposto, era di 4,3mm… Mi ha detto di sospendere la terapia con acido folico e progesterone e che stavo avendo un aborto spontaneo. Infatti ieri mattina prima dell’ ecografia ho iniziato con delle perdite marroncine nonostante prendessi il progesterone. E da ieri sera perdite di sangue con dolori da ciclo. Spero sia quello e che butterò fuori tutto presto e che non ci sia bisogno di raschiamento o terapia farmacologica. Spero ci sarà un’altra occasione di rimanere incinta e che vada tutto bene! Lei cosa mi consiglia di fare? Grazie mille.
Saluti.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Cara signora, mi dispiace per questo evento negativo. Purtroppo un certo numero di gravidanze hanno esito sfavorevole nel primo trimestre e non sempre è possibile definire la causa.
Generalmente si effettuano degli esami di approfondimento solo dopo tre aborti spontanei consecutivi. Questi approfondimenti che il suo specialista di fiducia saprà sicuramente confermarle possono essere rappresentati dalla valutazione del cariotipo di coppia e della diagnosi di presenza di trombofilia che, talvolta, possono essere responsabili di precoci microtrombi nella zona di impianto dell’embrione e essere causa di poliabortività.
In generale un evento sfavorevole favorisce nell’immediato una nuova gravidanza.
Coraggio. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti