Ritardo dopo il contraccettivo di emergenza

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 21/10/2019 Aggiornato il 21/10/2019

Tra gli effetti collaterali della pillola dei "cinque giorni dopo" è indicata una transitoria irregolarità mestruale.

Una domanda di: Giodivaz
Ho preso ellaone (contraccettivo d’emergenza) l’ 8 settembre subito dopo la fine del ciclo, a causa della rottura accidentale del profilattico. Il 29 settembre ho avuto un rapporto a rischio. Il mio ragazzo non è venuto dentro o almeno così dice. Io non so quando ho ovulato e non ho un ciclo regolare. Ora ho un ritardo di 14 giorni. Il 16 ottobre ho fatto un test (clearblue) risultato negativo, usando le prime urine del mattino dopo 17 giorni dal rapporto a rischio. Posso stare tranquilla? Help me!
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
tra gli effetti collaterali molto comuni di EllaOne sono riportate le irregolarità mestruale. Più di preciso, dopo l’assunzione la mestruazione può presentarsi in anticipo o in ritardo di alcuni giorni rispetto al previsto. Nel 6% circa delle donne le mestruazioni si sono presentate con un anticipo di oltre 7 giorni rispetto alla data attesa. Nel 20% circa delle donne si è registrato un ritardo di più di 7 giorni, mentre nel 5,1% delle pazienti il ritardo ha superato i 20 giorni. E’ verosimile dunque che questo ritardo sia imputabile all’impiego del contraccettivo di emergenza, visto oltretutto che il test di gravidanza è risultato negativo. Se però le mestruazioni dovessero continuare a tardare le consiglio di fare un controllo dal ginecologo, eventualmente anche per discutere con lui l’opportunità di utilizzare un metodo contraccettivo che le consenta di stare davvero tranquilla fino a quando non deciderà di avere una gravidanza. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti