Ritardo e altri sintomi di gravidanza, ma il test è (ripetutamente) negativo

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 16/06/2020 Aggiornato il 16/06/2020

Quando certi sintomi che fanno pensare alla gravidanza persistono, ma il test è negativo è opportuno un controllo dal ginecologo.

Una domanda di: Vittoria
Nel mese di maggio, fra il 13 e il 24 ho avuto rapporti non protetti. Ho di solito un ciclo di 28-30 giorni che negli ultimi mesi tende ad anticipare. A giugno invece ho avuto un ritardo di 7 giorni. Al sesto giorno ho fatto un test digitale (negativo) e il giorno dopo un test analogico (negativo). Non contenta ho anche fatto le beta (negative). La sera ho
iniziato ad avere delle strane perdite che poi sono diventate flusso a tutti gli effetti. Il ciclo è però durato due giorni e mezzo. A una settimana dal ciclo ho ricominciato ad avere crampetti all’addome (che mi hanno accompagnata in tutta la fase del preciclo) e questa mattina mi sento strana come mi sentivo durante il ritardo. Posso escludere una gravidanza e
immaginare che stress alimentazione e sport stiano incidendo sul mio corpo? Oppure è necessario ritentare un test?
Grazie in anticipo.

Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, la sequenza diagnostica da lei effettuata due test di gravidanza ed il dosaggio delle beta-hCG consentono di affermare che non sia iniziata una gravidanza. Tuttavia persistendo questo tipo di situazione soggettiva se lei ritiene che possa essere iniziata una gravidanza non è sbagliato ripetere a distanza di 7-10 giorni il test per escludere che i precedenti da lei effettuati fossero negativi in relazione a un basso dosaggio di beta nel sangue. Persistendo questa sintomatologia le suggerisco un controllo ginecologico con ecografia pelvica per visualizzare l’utero gli annessi e verificare che non siano presenti situazioni anomale in grado di darle queste sensazioni. Cordiali saluti, buona giornata.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti