Ritardo e test di gravidanza negativo

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 04/12/2020 Aggiornato il 04/12/2020

Se il test, eseguito correttamente a partire dal un giorno di ritardo delle mestruazioni, dà risultato negativo significa che la gravidanza non è iniziata.

Una domanda di: Dalila
Ho fatto il monitoraggio assumendo Clomid 2 pillole a sera per 5 giorni poi siringa gonasi 5000 e continuato con progeffik 200, 2 ovuli a sera x 15 giorni,
3 giorni prima dell’arrivo delle mestruazioni per la tanta curiosità ho eseguito il test ma è uscito negativo ad oggi però le mestruazioni non sono arrivate ancora e sono 4 giorni di ritardo. Il proggeffik l’ho smesso ieri.
La mia domanda è: questo ritardo può essere causato dal progesterone o devo ripetere il test?

Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, ripeterei il test dopo tre quattro giorni per scrupolo, anche se di norma dopo tre giorni di ritardo delle mestruazioni un risultato negativo è attendibile. Naturalmente i farmaci usati devo essere metabolizzati e talvolta possono determinare alterazioni temporanee, come il ritardo da lei segnalato. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti