Ritardo mestruale: che fare?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 26/10/2020 Aggiornato il 26/10/2020

Eseguire un test di gravidanza è la prima cosa da fare quando le mestruazioni non arrivano.

Una domanda di: Sara
Ho 24 anni.
Ho avuto un rapporto a rischio il 10/09 ed ero a fine del mio ciclo mestruale. Aspettavo lemestruazioni il giorno 2/10 ma calcolando che ho un
ciclo di 28-31 giorni. Ho aspettato fino al giorno 5. Ad oggi sono a 18 giorni di ritardo. Specifico che ho passato un periodo un po’ stressante ma sinceramente non
voglio dare “colpe” allo stress dato che di norma nei miei periodi no, se così voglio chiamarli, le mestruazioni anticipano addirittura di 2-3 giorni.
Non ho avuto sintomi particolari in tutto questo periodo, ho avvertito solo una leggera spossatezza, mi sento un po’ più stanca e ho spesso tantissima
fame e questo sinceramente mi ha “stranito” dato che di norma non mangio tanto ma ultimamente ho davvero tanta fame e ho la pancia più gonfia da
circa una settimana.Sto scrivendo qui perché ieri nel tardo pomeriggio quando sono andata in bagno, dopo la minzione ho avuto una piccola perdita marroncina e credevo
all’inizio della mestruazione (me lo ha fatto ogni tanto e dopo circa mezzora dalla perdita si univano subito i dolori mestruali seguiti dal
flusso dal colore più rosso) ma invece si sono fermate dopo poco.
Si sono presentate 2 volte dopo la minzione in modo lieve ma è successo che
mi sono svegliata durante la notte per dover urinare ed ho notato che la perdita si è fatta più abbondante ma sempre marrone senza alcuna traccia ematica ed ho messo il proteggi slip onde evitare .. Sinceramente sono un po’ in pensiero, non riesco a capire cosa mi stia succedendo… Non
ho nessun dolore di tipo mestruale e questo ritardo così lungo mi spaventa un po’.
Il tutto mi ha fatto pensare all’inizio di una gravidanza.. ma tutto può
essere, per questo mi rivolgo a lei per ricevere il parere da un esperto.
Aspetto se magari queste perdite possano eventualmente diventare flusso
mestruale o eseguo un test di gravidanza?
Sono un po’ in ansia ma sto cercando di tenere la calma il più possibile.
Attendo un suo riscontro e la ringrazio in anticipo.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Gentile Sara,
la situazione da lei descritta mi sembra a basso rischio di concepimento (rapporto immediatamente dopo la fine del ciclo, quindi in linea teorica lontano dal periodo fertile ).
In ogni caso appare corretto con un ritardo mestruale effettuare un test di gravidanza.
Se negativo naturalmente proceda con un approfondimento mirato a valutare quale situazione può aver indotto tale situazione.
Contatti quindi il suo specialista di fiducia per effettuare un’ecografia pelvica e un’analisi del snague per dosare gli ormoni.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti