Ritorno delle mestruazioni dopo un aborto

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 20/05/2024 Aggiornato il 20/05/2024

Il ritorno delle mestruazioni dopo un'interruzione spontanea della gravidanza in genere elimina dalla cavità uterina eventuali residui di materiale abortivo.

Una domanda di: Flora
Circa un mese fa ho avuto una forte emorragia dopo che mi avevano già diagnosticato un aborto ritenuto. Al controllo delle tre settimane è risultato che c’è ancora del materiale abortivo nell’utero e, insieme alla ginecologa, abbiamo deciso di aspettare che torni il ciclo per vedere se così verrà espulso. La mia domanda è: se ho ancora del materiale abortivo com’è possibile che torni il ciclo? Il mio corpo non dovrebbe ancora produrre l’hcg e “sentirsi” ancora in gravidanza? La ringrazio in anticipo per la risposta.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, la gravidanza nelle fasi iniziali produce l’ormone beta-hCG ma se si interrompe smette di produrlo e lo elimina lentamente, quindi se la quantità di materiale dal punto di vista ecografico appare compatibile con una fisiologica espulsione da parte dell’utero, come capita nella maggioranza dei casi, appare corretto quanto suggerito. Nel caso in cui ci fosse una persistenza, la specialista di riferimento le darà ulteriori indicazioni per risolvere il problema. Sperando di essere stato utile, cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza che non si annuncia dopo 7 mesi di tentativi: si deve ricorrera alla PMA?

24/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Di solito, se la coppia è giovane, prima di indagare sulla sua fertilità, si attende che trascorra un anno di tentativi di concepimento andati a vuoto. Qualora il ginecologo suggerisca di ricorrere alla procreazione medicalmente assistita prima di questo lasso di tempo probabilmente esclude la possibilità...  »

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti