Ritrovare il desiderio dopo il parto

Dottoressa Annalisa Pistuddi A cura di Dottoressa Annalisa Pistuddi Pubblicato il 27/10/2020 Aggiornato il 27/10/2020

Dopo la nascita di un figlio, è molto bello (e saggio) cercare di recuperare al più presto l'intimità di coppia, perché diversamente si rischia di allontanarsi.

Una domanda di: Petra
Vorrei chiedere qualche informazione per quello che riguarda la vita sessuale dopo il parto. Il problema della lubrificazione quando in mezzo
c’è l’allattamento e anche la pillola? Ho letto che può causare scarso desiderio avere problemi con la lubrificazione…abbiamo usato un gel ma
non ha funzionato…anche le coccole prima dei rapporti ma, poi ci siamo
fermati. Grazie mille.
Annalisa Pistuddi
Annalisa Pistuddi

Gentile signora,
è molto bello che lei dimostri di voler recuperare l’intimità di coppia, ritrovando il desiderio che ora le sembra scomparso. Dare importanza a questo aspetto è quanto di meglio ci sia per continuare ad alimentare l’intesa che la lega al papà del suo bambino. Il problema della scarsa lubrificazione si risolve appunto con gli specifici gel, che è opportuno utilizzare non solo in vista del rapporto, ma abitualmente, perché la secchezza vaginale può aprire la strada a fastidiose irritazioni locali, destinate a trasformarsi in un ulteriore ostacolo ai rapporti sessuali. Ma il desiderio non è legato solo a quetsioni meccaniche (scarsa lubrificazione) oppure di natura ormonale.A quest’ultimoproposito va detto che non è vero che l’assetto ormonale che caratterizza il periodo dell’allattamento spenga la libido, anzi ci sono donne che provano l’impulso di ricominciare ad avere rapporti sessuali a poche settimane dalla montata lattea. non dimentichiamoci che la zoiona erogena per eccellenza è il cervello, quindi il blocco nei confronti dell’intimità dipende da ragioni di tipo psicoemotivo. Il mio consiglio è di ritagliarvi qualche spazio solo per voi due, in modo da riuscire a ritrovarvi completamente senza le ansie (comprendibili) legate all’accudimento del bambino.Può bastare poco, anche affidare il piccolo per un paio d’ore ai nonni o a una tata, per starvene da soli, per dedicarvi esclusivamente a voi due. Per non rischiare di cadere in questo spiacevole circolo vizioso, di cui alcuni sessuologi parlano: la mancanza di desiderio produce mancanza di desiderio. E’ una trappola che potrebbe essere schivata cominciando a fare l’amore anche quando sembra di non averne molta voglia: questa scelta a volte può premiare, consentendo di misurarsi con la piacevolissima esperienza della comparsa improvvisa e inaspettata del desiderio. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti