RM con contrasto a inizio gravidanza: si può effettuare?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 22/01/2021 Aggiornato il 22/01/2021

Spetta al medico valutare l'opportunità di eseguire una risonanza magnetica nucleare con mezzo di contrasto nel primo trimestre di gravidanza.

Una domanda di: Rosaria
Dottoressa buongiorno. Ho una paura incredibile: il 26 di questo mese ho una RM con contrasto encefalo e tronco perché sono epilettica e in più hanno
riscontrato un’area cercinata da valutare bene. Il problema grave è che sono
rimasta incinta ad oggi dovrei essere di 7+2, ultima mestruazione il 9/12/2020. Non so se disdire anche perché è un anno che attendo questa visita e al contempo ho
un ansia per il/la bimba/o, mi dia consigli la supplico.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Buongiorno signora, è importante che lei prenda tempestivamente accordi con il servizio di radiologia presso cui ha prenotato questo esame in modo da decidere se nel suo caso specifico sia utile eseguire comunque l’indagine pianificata oppure se sia più prudente posticiparla e attendere di aver concluso il primo trimestre di gravidanza.
Per quanto mi riguarda, le posso dire che se lei ha avuto l’ultimo ciclo il 9 dicembre scorso, oggi 22 gennaio non è di 7+2 settimane ma solo di 6+2 settimane. Sarebbe utile nel frattempo fare una prima ecografia ostetrica per datare la gravidanza, ossia essere certi di quando sia avvenuto il concepimento (in base al ciclo dovrebbe essere stato il 23 dicembre ma…non si sa mai!).
In ogni caso, prima dell’ottava settimana di gravidanza non c’è un reale passaggio di farmaci o altre sostanze (penso ad esempio al mezzo di contrasto) attraverso la placenta che è ancora in via di formazione.
Le ricordo di assumere acido folico, meglio se al dosaggio di 5 milligrammi al giorno (non mi ha precisato se lei sia o meno in terapia con farmaci anti-epilettici) e lontano da the e/o latticini.
Resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti