RM e ricerca della gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 18/11/2019 Aggiornato il 18/11/2019

La risonanza magnetica con mezzo di contrasto andrebbe evitata, salvo eccezioni selezionate, nel primo trimestre di gravidanza.

Una domanda di: Enrico
La mia ragazza deve sottoporsi ad una risonanza magnetica con contrasto, avevamo programmato verso gennaio di provare a concepire un bimbo, tutto ciò comporta dei rischi?

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Gentile Enrico,
non mi ha precisato quando e per quale motivo la sua ragazza dovrà effettuare l’esame ma posso dirle che la risonanza magnetica con mezzo di contrasto andrebbe se possibile evitata nel primo trimestre di gravidanza, mentre in alcuni casi selezionati viene effettuata di proposito anche durante il secondo o il terzo trimestre di gravidanza, chiaramente selezionando sia l’indicazione ad effettuarla, che il mezzo di contrasto meno a rischio per il nascituro.
Nel vostro caso specifico il mio consiglio è questo: se la risonanza magnetica è prevista in questo periodo, non dovrete posticipare la ricerca della gravidanza stessa. Se invece, ad esempio, la risonanza fosse programmata per febbraio 2020, vi consiglierei di attendere di averla effettuata per procedere poi con la ricerca della gravidanza.
Spero di avervi aiutato, ricordi alla futura mamma di assumere acido folico 1 compressa da 400 microgrammi al giorno da quando inizierete la ricerca della gravidanza e almeno per tutto il primo trimestre della stessa.
Cordiali saluti, a presto risentirci con buone nuove.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti