RMA e spermatogenesi

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 18/01/2021 Aggiornato il 18/01/2021

Si può escludere che l'esecuzione della Risonanza magnetica nucleare interferisca con la qualità degli spermatozoi.

Una domanda di: Isabella
Io e il mio compagno stiamo cercando di avere un bambino, da
circa un anno. Lo scorso anno il mio compagno ha fatto diverse
risonanze,tutte negative. Mi chiedevo se questo possa influenzare il
concepimento. Grazie.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Buongiorno,
la risonanza magnetica non ha un effetto evidente sulla spermatogenesi. L’esposizione è davvero molto bassa. Probabilmente sono più dannosi i campi magnetici dei telefonini, che ci portiamo appresso 24 ore al giorno. con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti