RMN con contrasto nella terza settimana di gravidanza: ci sono rischi?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 10/06/2022 Aggiornato il 10/06/2022

A pochi giorni dal concepimento sottoporsi a una risonanza magnetica con mezzo di contrasto non espone l'embrione ad alcun particolare pericolo.

Una domanda di: Alessandra
Salve, ho fatto la risonanza con il contrasto, la mia solita ogni sei mesi: la mia sclerosi multipla ha bisogno di controlli, ma questa volta i miei soliti ritardi mestruali sono frutto di una gravidanza così ero alla terza settimana quando ho fatto l’esame. Per me sarebbe un miracolo avere un figlio e voglio lottare ma la mia felicità si è riempita di dubbi e di paure volevo un consiglio, se ci possono essere dei problemi per il bambino. Grazie.

Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, la tranquillizzo subito. Se ha fatto l’esame alla 3a settimana, il suo futuro bambino stava ancora cercando di raggiungere l’utero e non esisteva ancora alcun contatto tra la sua circolazione e quella del bimbo. Non ha dunque esposto suo figlio ad alcun rischio. Le faccio i miei più cari auguri per tutto.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti