RMN encefalo: è rischiosa in gravidanza?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 29/04/2022 Aggiornato il 29/04/2022

Gli studi di cui si dispone relativi all'esecuzione della risonanza magnetica nucleare in gravidanza non hanno evidenziato rischi per il feto.

Una domanda di: Anna
Le scrivo per chiederLe un’informazione in merito ad una questione che mi preoccupa non poco. Io ho 34 anni, non soffro di alcuna patologia e da qualche giorno ho scoperto di essere incinta. Ho già in programma da molto tempo una risonanza magnetica encefalo e tronco encefalico con mezzo di contrasto il 12 maggio prossimo. Mi sarà possibile
effettuare in tranquillità l’esame diagnostico, che attendo da molto, oppure può provocare dei danni al feto?
La ringrazio davvero tanto.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Anna,
gli studi disponibili sulla risonanza magnetica non hanno documentato un aumento del rischio di malformazioni.
Anche i dati sulla sicurezza di impiego in gravidanza del gadolinio e dei mezzi di contrasto utilizzati nel corso dell’esame non indicano un aumento dei rischi, ma sono più limitati. Per maggior cautela è preferibile, quando possibile, non utilizzare mezzi di contrasto. La valutazione spetta però a chi effettuerà la risonanza: se l’esame richiede necessariamente il mezzo di contrasto non ci sono particolari controindicazioni all’uso. In ogni caso segnali al medico il suo stato di gravidanza quando si recherà a effettuare l’indagine. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti