RMN in una piccolissima per escludere con certezza anomalie della colonna?

Dottoressa Alessia Bertocchini A cura di Dottoressa Alessia Bertocchini Pubblicato il 14/12/2023 Aggiornato il 14/12/2023

Se le ecografie hanno dato esito negativo e quindi non c'è il sospetto fondato che una neonata sia interessata da un'anomalia della colonna, è poco opportuno sottoporla anche a una risonanza magnetica nucleare.

Una domanda di: Daniela
Gentile Dottoressa, dopo una gravidanza da PMA normodecorsa, ecografia morfologica e screening prenatale (tn,bi test e dna fetale) tutto negativo, assunzione di acido folico come prescritto, parto avvenuto mediante taglio cesareo a 39+3, mia figlia è nata con una fossetta pilonidale e la linea interglutea deviata verso sinistra, comunicata dal neonatologo nel giorno delle dimissioni. A seguito di ciò, prescrive una ecografia della fossetta, a fondo cieco, per escludere problematiche sottostanti. Di ecografie al momento ne abbiamo fatte due, una a circa una settimana di vita, l’altra ad un mese di vita, le riporto i referti: la prima “Lo studio è stato mirato alla valutazione della fossetta pilonidale clinicamente apprezzabile in regione sacro-coccigea. Al di sotto della fossetta non sono evidenti tramiti fistolosi nè raccolte ascessuali ecograficamente apprezzabili. Regolare morfologia e decorso della corda midollare; il cono è normo-conformato ed è posto all\’incirca all\’altezza degli ili renali come di norma. Le radici della cauda sono fluttuanti e non stirate. Regolari i profili ossei superficiali dei metameri sacrali. Coccige prevalentemente cartilagineo per l’età.“ La seconda: “Normale chiusura del sacco neurale che non comunica con i tessuti superficiali ed ha aspetto ecografico nei limiti. Nei limiti l’aspetto ecografico della cauda equina, del filum terminale che è normalmente mobile ed ha spessore nei limiti. Il cono midollare ha aspetto ecografico nei limiti. Non si apprezzano tramiti fistolosi. Aumentato spessore del tessuto adiposo sottocutaneo nella sede della fossetta”. Posto che i referti paiono tutti e due negativi, sarebbe proprio da pazzi, secondo lei. sottoporre mi figlia ad una RMN? La dottoressa che ha eseguito la seconda ecografia mi diceva che questo tipo di esame non è attendibile al 100%… Purtroppo non riesco a darmi pace… Attendo suo cortese riscontro. Grazie.
Dottoressa Alessia Bertocchini
Dottoressa Alessia Bertocchini

Gentile signora, se le ecografie sono negative direi di stare abbastanza tranquilla. Personalmente a fronti di una bambina con due ecografie negative e che è stata valutata da un chirurgo pediatra o da un neurochirurgo pediatra, secondo cui non c’è nulla che non va, aspetterei a fare una risonanza magnetica nucleare perché questa indagine va fatta in sedazione. Proprio per questo in una bambina così piccola ha un senso farla se c’è un sospetto clinico fondato, ma non mi sembra sia questo il caso. Sempre a mio parare, credo sia opportuno che lei si affidi ai consigli del pediatra che ha in cura la sua piccola e attenda senza fare nient’altro. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti