RX e altri farmaci nelle primissime fasi della gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 21/01/2020 Aggiornato il 21/01/2020

Né una radiografia effettuata nei primi giorni dopo il concepimento né l'assunzione di antibiorico e cortisone nel primissimo periodo della gravidanza possono causare danno al bambino.

Una domanda di: Mariella
Ho scoperto di essere in attesa di un bambino qualche giorno fa, ho fatto visita ginecologica e risulto essere in 7 settimane, ma ora dovrò fare le analisi per saperne di piu. La mia domanda che vorrei porvi è questa, che piu che altro è una mia grande preoccupazione: il 6 dicembre 2019 in teoria ero già in attesa e non sapevo di esserlo da pochi giorni ed ho fatto RX al torace non sapendo appunto di essere incinta. Nel mentre ho avuto otite forte esterna e ho assunto per circa 18 giorni antibiotico Veclam da 500 e cortisone per 7 giorni, Deflan piu gocce Cilodex. La terapia è durata sino al 24 dicembre. Sono molto preoccupata per la salute del bambino per via dell’effetto che possano aver prodotto questi farmaci.
Attendo una vostra risposta, sperando in meglio. Grazie per la vostra attenzione e disponibilità. Cordiali saluti.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti