Sactosalpinge bilaterale: si può ricorrere alla fecondazione assistita?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 14/06/2022 Aggiornato il 14/06/2022

La presenza di una malattia che compromette la funzionalità delle tube, come lo è la sactosalpinge, diminuisce le probabilità che la procreazione medicalmente assistita vada a buon fine.

Una domanda di: Ana Maria
Ho 34 anni e dodici anni fa mi è stato fatto un intervento in laparoscopia per estrare il pus prodotto dalla sactosalpinge bilaterale, ma non ho subito l’asportazione delle tube. Dall’ultima ecografia, che ho eseguito lo scorso maggio, si evince che questa infezione è tornata solo sulla tuba sinistra, ma non in stadio così avanzato come 12 anni fa. Mi è stato consigliato di valutare un percorso di fecondazione assistita in quanto tale percorso permette di curare la sactosalpinge. Per anni ho vissuto con l’idea di non poter avere dei figli a causa dell’intervento in laparoscopia che, a dire del medico che lo aveva eseguito, aveva privato le tube della loro normale funzionalità. A suo avviso, non avrei neppure poturo provare la strada della fecondazione medicalmente assistita. Ora sono molto confusa in quanto mi trovo davanti a due soluzioni: asportare tutto compreso l’utero oppure provare la fecondazione assistita. Come può essere contenuta tale infiammazione dalla fecondazione assistita?
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora, la presenza di una sactosalpinge oltre che rendere impossibile il funzionamento delle tube, rende molto meno probabile il successo della fecondazione assistita per l’infiammazione che ne consegue. Se il desiderio di un figlio è presente, l’iter corretto è quello di ripetere una laparoscopia togliendo entrambe le salpingi, controllare la presenza di una endometrite, cioè infezione cronica all’interno dell’utero, ed eventualmente curarla, e poi rivolgersi alla fecondazione in vitro. Cioè non è l’iter della fecondazione medicalmente assistita che cura e risolve la sactosalpinge: prima di ricorrere alla procedura è necessaria l’asportazione delle tube e la valutazione  della condizione dell’utero. Dopodiché, se necessario, occorre cercare di risolvere un eventuale problema che lo coinvolge. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti