Sactosalpinge e possibilità di dare inizio a una gravidanza

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 04/08/2021 Aggiornato il 04/08/2021

Quando le tube sono interessate da un problema, dare inizio a una gravidanza può non essere semplice.

Una domanda di: Graziella
Ho da poco effettuato un’isterosalpingografia perché dopo due
anni di tentativi mirati non sono riuscita a restare incinta. Dopo l’esame
il medico mi disse che se entro 4 mesi non fossi rimasta incinta avrei dovuto sottopormi a
fecondazione in vitro. Vorrei capire se questa condizione riscontrata può
essersi formata dopo la mia prima gravidanza oppure è congenita ( la prima
gravidanza è arrivata subito). Le allego il referto, potrebbe spiegarmi in
poche parole cosa significa e se ho qualche speranza di una gravidanza
naturale? Grazie.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora,
una sactosalpinge è il risultato di un evento infettivo/infiammatorio pelvico. Il problema è che può dare fastidio anche per una fecondazione in vitro. L’iter più corretto prevederebbe l’esecuzione di una laparoscopia, con valutazione anche dell’altra tuba, e, se la tuba è effettivamente malata, occorrerebbe procedere alla salpingectomia (asportazione) prima di una fecondazione. L’alternativa è quella che le hanno proposto: vedere se resta in gravidanza, naturalmente o con una fecondazione, e procedere alla laparoscopia in caso di fallimento. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti