Salbutamolo per via inalatoria: è pericoloso in gravidanza?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 15/09/2022 Aggiornato il 15/09/2022

Dalle ricerche effettuate fino a ora, non sono emersi rischi relativi all'impiego di salbutamolo (Ventolin) in gravidanza.

Una domanda di: Cinzia
Buongiorno, mia figlia è alla fine del terzo mese di gravidanza ed ogni notte deve ricorrere allo spray ventolin poiché si sveglia con fame d’aria. La sua asma è di origine allergica e non avendo individuato ad oggi quale sia il colpevole è costretta a far ricorso alle inalazioni di Ventolin. Sono un po’ preoccupata, e vorrei sapere se esiste un farmaco analogo che possa essere più sicuro per il suo bambino visto che l’allergia e l’asma se le porterà con sé fino alla fine della gravidanza. Grazie mille.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Cinzia, la terapia farmacologica deve essere valutata dal medico curante. Gli studi sull’uso del salbutamolo (Ventolin) in gravidanza non hanno documentato un aumento dei rischi per lo sviluppo dell’embrione e del feto. L’asma se non adeguatamente trattato può, invece, comportare problemi per lo sviluppo del feto, per esempio rallentando la sua crescita. Nel caso di sua figlia, se le crisi hanno una frequenza giornaliera è consigliabile valutare con il medico la possibilità di una terapia in grado di tenere sotto controllo l’asma (per esempio, cortisonici per via inalatoria). Se l’origine è allergica, il medico potrebbe inoltre valutare l’impiego di un farmaco antistaminico (ci sono farmaci per cui è stata documentata la sicurezza in gravidanza). Dunque è più che opportuno che sua figlia si rivolga all’allergologo (che probabilmente la sta seguendo da tempo) in modo da pianificare con lui una strategia davvero efficace e priva di rischi. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti