Salmone affumicato mangiato per errore: c’è il rischio di listeriosi?

Dottor Fabrizio Pregliasco A cura di Dottor Fabrizio Pregliasco Pubblicato il 08/04/2023 Aggiornato il 22/06/2023

In linea teorica, il rischio di listeriosi esiste ogni volta che si introducono alimenti che potrebbero essere contaminati. Tuttavia se l'analisi del sangue per la ricerca degli anticorpi specifici dà un risultato negativo non c'è da preoccuparsi.

Una domanda di: Carla
Premetto che sono in gravidanza alla 33 esima settimana oggi. In data 18 febbraio durante un weekend erroneamente ho mangiato del salmone affumicato. Esattamente 48 ore dopo ho avuto un giorno di malessere generale: dolori muscolari, poca nausea. Il tutto risolto nel giro delle 24 ore. Da li in poi niente più. A distanza di due settimana durante la visita ginecologica mi dicono che la bambina sembra essere più piccolina del dovuto ma niente di allarmante, questo mi spaventa e mi porta a cercare l’ipotetica causa. Cercando su internet trovo listeria così in data 4 marzo (2 settimane dopo l’evento) mi reco a fare le analisi del sangue per Anticorpi Listeria e questi risultano così: Ad anti listeria monocitigenes Ig totali (siero) <1.16 Valori ti riferimento 1.64 In base ai valori mi tranquillizzo perché sembrano essere negativi. Oggi ritiro le analisi di routine e trovo valori sopra il range di globuli bianchi, neutrofili e moniciti. Da quel momento mi scatta l’idea che possa essere l’infezione Listeria. La mia domanda è: può essere? Le analisi fatte due settimane dopo l’evento sono veritiere o fatte troppo presto? Le devo rifare? Come mi devo comportare? Sono molto in ansia.
Fabrizio Pregliasco
Fabrizio Pregliasco

Cara signora, la listeria ha mediamente 72 ore di incubazione, ovvero i sintomi (nausea, febbricola, diarrea, malessere, vomito) mentre nel suo caso si sono manifestati 48 ore dopo l’ingestione dell’alimento a rischio quindi in base a questo pare che non siano attribuibili all’infezione. In più, dall’esame sierologico è emerso che lei non ha sviluppato anticorpi anti-Listeria quindi, secondo questo risultato, non è venuta a contatto con il batterio. L’esame sierologico è stato effettuato quando, se fosse stata contagiata, sarebbero stati individuati gli anticorpi specifici. Direi dunque che può stare tranquilla su questo fronte, vorrei però conoscere anche l’opinione del suo ginecologo che di sicuro è stato consultato. A proposito degli altri valori alterati, credo (anzi sono certo) che la lettura dei risultati degli esami del sangue che esegue di routine venga effettuat dal suo ginecologo, dico bene? E’ lui lo specialista che deve interpretarli, in base alla sua condizione generale a eventuli sintomi e anche alla luce di tutti gli altri valori. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo nato prematuro con broncodisplasia severa: quando potrà fare a meno dell’ossigeno?

19/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Non è quasi mai possibile prevedere quando un piccolissimo con un severo problema all'apparato respiratorio potrà rinunciare al supporto dell'ossigeno.   »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti