Salsa di soia: sì o no in gravidanza?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 23/01/2023 Aggiornato il 23/01/2023

La salsa di soia non è un condimento consigliabile in gravidanza per via dell'alto contenuto di sodio.

Una domanda di: Babi
Sono incinta di 11 settimane e ogni tanto ho mangiato qualche piatto condito con salsa di soia. Ora leggo che è da evitare in gravidanza e sono in ansia per il timore di avere fatto danni al bambino. Grazie.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, la salsa di soia non è consigliata in gravidanza sostanzialmente perché è ricca di sodio (lo stesso del sale da cucina) e il sodio favorisce la comparsa dell’ipertensione in donne predisposte. Molto comunque dipende dalla quantità con cui viene assunta, pochi cucchiaini ogni tanto non credo possano creare grande danno. Nel dubbio meglio dunque farne a meno, per non rischiare di superare la quantità di sodio giornaliera consigliata. Consigliata perché non aumenta il rischio di ipertensione, da cui guardarsi se possibile ancora di più durante la gravidanza. Detto questo, penso possa stare tranquilla per la quantità che ha assunto fino a ora. In generale durante la gravidanza (e anche durante l’allattamento) è sempre meglio controllare se un cibo o un condimento sia consentito o no PRIMA di assumerlo e non dopo. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti