Sangue dal naso: può essere colpa del Cardirene?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 25/04/2023 Aggiornato il 25/04/2023

In linea teorica l'epistassi (sangue dal naso) può essere in relazione con l'assunzione continuativa di acido acetil-salicilico, tuttavia si tratta solo di un'ipotesi che va verificata.

Una domanda di: Carmela
Sono alla 21ma settimana di gravidanza già dalle prime settimane la ginecologa mi ha prescritto l’ aspirenetta cardirene 160 mg, stamattina è la seconda volta che mi sveglio con uscita di sangue dal naso da una sola narice: cosa devo fare in questo caso sospendere? Chiedo un vostro parere grazie.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, quando si prende l’acido acetilsalicilico (contenuto nel cardirene) può capitare che si perda sangue dal naso. Questo può dipendere dal dosaggio, ma non so perchè stia prendendo questo farmaco né quindi non posso sapere se eventualmnte potrebbe abbassare il dosaggio: di questo deve parlare con la sua ginecologa che ha fatto la prescrizione e quindi sa bene perché ha ritenuto necessario darglielo ed è in grado, eventualmente, di ridurre il dosaggio. Penso che comprenda che nessu medico da remoto, senza nulla sapere della paziente può interferire sulla terapia data da un collega che ben conosce la situazione. Comunque, un sanguinamento da una sola narice potrebbe anche essere dovuto alla rottura di un piccolo vaso sanguigno, ma per appurarlo occorre sottoporsi a una visita dall’otorino. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza che non si annuncia dopo 7 mesi di tentativi: si deve ricorrera alla PMA?

24/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Di solito, se la coppia è giovane, prima di indagare sulla sua fertilità, si attende che trascorra un anno di tentativi di concepimento andati a vuoto. Qualora il ginecologo suggerisca di ricorrere alla procreazione medicalmente assistita prima di questo lasso di tempo probabilmente esclude la possibilità...  »

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti