Sanguinamento anomalo: cosa può essere?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 22/02/2021 Aggiornato il 22/02/2021

Per stabilire l'origine di un snaguinamento occorre effettuare indagini specifiche.

Una domanda di: Marianna
Salve, la contatto per avere un parere su un problema che sta durando da circa 20 giorni. Sto avendo perdite di color marrone scuro, a tratti capita di averle anche solo per un secondo rosso vivo accompagnate da qualche coagulo poi diventano di nuovo marrone. Cosa può essere?! Preciso di non avere un ciclo regolare.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno, quanto lei descrive sembra essere rappresentativo di un’infezione vaginale. Pertanto le suggerisco di effettuare un tampone vaginale per la ricerca dei germi più comuni, compresi clamidia, mycoplasma, gonococco, che se risulteranno presenti dovranno essere trattate con antibiotico ad hoc.
Qualora non avesse recentemente effettuato anche il pap-test le consiglio anche di sottoporsi a tale importante procedura di screening per le patologie oncologiche della cervice uterina, non trascuri anche un’ecografia ginecologica pelvica per appurare se l’origine del sanguinamento che riferisce potrebbe essere in relazione con un problema del corpo dell’utero. Sperando di essere stato utile, la saluto con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti