Sanguinamento di odore spiacevole dopo un’IVG

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 17/12/2021 Aggiornato il 17/12/2021

Dopo un'interruzione spontanea della gravidanza può accadere che si verifichi un sanguinamento per alcuni giorni, senza che questo sia necessariamente segno di qualcosa che non va, tuttavia se le perdite sono maleodoranti un controllo si impone.

Una domanda di: Annalisa
Volevo porle una domanda. Il 15/11/21 ho effettuato una ivg (interruzione volontaria di gavidanza). Inizialmente ho avuto delle perdite che si sono bloccate e poi sono ritornate. Il 30/11 ho fatto la visita di routine dove mi è stato detto che l’utero si era ripulito dai residui rimasti. Dal 30/11 e fino al 6/12 non ho avuto altre perdite per poi iniziare il 7/12 con dolori al basso ventre e sanguinamento. Da allora il sanguinamento non si è mai arrestato. Non ho grandi quantità di fuoriuscite dì sangue come nei primi cinque giorni ma ad ogni rapporto con il mio ragazzo accade che ci siano durante e dopo (non ho dolori nei rapporti né fastidì) solo questo sangue che tra l’altro è maleodorante. Prima della gravidanza il mio ciclo è stato sempre regolare. Attendo risposte, saluti.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, dopo aver effettuato un’interruzione di gravidanza che per quel che mi descrive credo sia stata chirurgica è normale avere un periodo di assestamento all’interno della cavità dell’utero, nel quale la mucosa endometriale gradualmnete recupera le sue caratteristiche fisiologiche. In questo periodo però possono esserci perdite legate a piccoli residui che possono essere rimasti all’interno della cavità uterina che lentamente si sfaldano e fuoriescono. E’ buona norma in ogni caso se persiste tale sintomatologia effettuare un tampone vaginale con una eventuale terapia specifica, qualora siano presenti dei germi (il fatto che le perdite siano maleodoranti rende necessario un controllo). Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Assorbenti interni: li può usare una ragazzina di 11 anni?

16/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Sara De Carolis

Non ci sono controindicazioni mediche all'uso degli assorbenti interni fin dalla prima adolescenza. Va tenuto presente, però, che per applicarli correttamente la ragazzina deve imparare a conoscere bene la propria anatomia.   »

Bimbo di tre anni che dà testate e pizzicotti quando è contento

15/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Ci sono gesti che compie il bambino che è opportuno impedire: per farlo occorrono toni e atteggiamenti di affettuosa determinazione.   »

Lo zucchero è vietato in assoluto ai bambini?

14/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Alimenti e bevande contenenti lo zucchero che si usa normalmente in cucina a scopo dolcificante non sono vietati in assoluto, ma non è certo opportuno concederli ogni giorno. In un'ottica di dieta sana devono essere introdotti solo occasionalmente (e questo vale anche per gli adulti).   »

Fai la tua domanda agli specialisti