Sanguinamento dopo l’uso del tiralatte

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 28/01/2020 Aggiornato il 28/01/2020

Un po' di sangue che esce dal capezzolo non inquina il latte.

Una domanda di: Chiara
Ho usato il tiralatte per 10 minuti da un seno e quando l’ho staccato ho notato una goccia di sangue sul capezzolo .
Non ho ragadi. Non ho sentito dolore ma subito dopo un calore su tutto il seno.
Ho letto che può essere una rottura di un capillare.
Posso continuare ad allattare? Devo ricorrere a uno specialista?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Cara signora mamma,
sarei curiosa di sapere come mai utilizza il tiralatte. Le posso garantire che un po’ di sangue non inquina il suo latte in alcun modo!
Il calore che ha avvertito penso possa essere legato alla stimolazione del tiralatte che, oltre a permettere la fuoriuscita del latte, richiama sangue in quantità nella ghiandola mammaria.
Non credo sia necessario ricorrere ad uno specialista, almeno dai sintomi che mi ha descritto mi pare sia tutto perfettamente fisiologico. Spero che lei possa attaccare esclusivamente al seno il suo bimbo, così da godersi pienamente l’avventura dell’allattamento.
A disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti