Sanguinamento importante a 57 anni: che fare?

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 02/06/2023 Aggiornato il 02/06/2023

In età matura, a fronte di un sanguinamento che non si arresta, è necessario valutare l'opportunità di asportare utero e ovaie.

Una domanda di: Cristina
Buongiorno ho 57 anni e fino a dicembre ho avuto mestruazioni regolari ma abbondanti causate da presenza di fibroma e ciste ovarica tenute monitorate con ecografie transvaginali annuali. Nonostante l’uso del Lunetyl non ho riscontrato miglioramenti. Poi fino a marzo nessuna mestruazione e speravo fosse iniziata la menopausa. Invece ai primi di aprile sono iniziate prima perdite poi mestruazioni che non sono mai terminate ed ora sono riaumentate in maniera ingestibile con gli ultimi 4 giorni di un’ abbondanza preoccupante. Ho fissato un appuntamento che mi è stato dato tra un mese. Martedì andrò su prescrizione del mio medico a fare emocromo perché penso di avere ormai i valori ai minimi accettabili. Vorrei sapere se posso intanto prendere farmaci per ridurre e fermare l’emorragia. Anche per poter eventualmente poter fare esami approfonditi se riuscissi ad avere una visita prima di un mese. Ringrazio in anticipo. Cordiali saluti.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Cristina, la situazione ginecologica che sta vivendo va valutata con un’isterectomia. Nel darle questo consiglio capisco un po’ di fifa per l’intervento ma è la scelta risolutiva che secondo me la sua condizione impone. La possibilità di controllare quest’ultima attività ovarica è piccola e alla fine snervante. Si sottoponga con tranquillità all’intervento, discutendo con il suo curante l’opportunità come prevenzione del rischio di tumore ovarico di rimuovere anche le ovaie nel contesto della sua età. Di fatto, il rischio di tumore inizia a salire come frequenza dopo il 55 esimo anno di età. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti