Sanguinamento in 17ma settimana: andrà tutto a posto?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 15/09/2021 Aggiornato il 15/09/2021

Un sanguinamento improvviso nel secondo trimestre di gravidanza può essere spia di un problema lieve, destinato a risolversi senza conseguenze per la gravidanza.

Una domanda di: Grazia
Salve, rinnovo i complimenti per lo straordinario servizio che offrite a tutte noi! Dopo l’ennesima ecografia si è scoperta la causa del mio sanguinamento improvviso alla diciassettesima settimana di gravidanza. Trattasi di un piccolo ematoma del polo inferiore in sede istmica della grandezza di 25 millimetri, già riscontrato durante la translucenza del 5 agosto, ma non rilevato nell’ecografia effettuata in seguito a sanguinamento. La ginecologa mi ha rassicurato dicendomi che fortunatamente è piccolo e anche le perdite ematiche marroni sono di lieve entità. Il bimbo sta bene e cresce benissimo. Potreste però farmi capire quali sono i reali rischi che corro? Possibile che in un mese non si sia assorbito per nulla nonostante il progesterone ed il riposo? È preoccupante questo sanguinamento seppur lieve? Come terapia devo continuare con iniezioni di lentogest e tiosan fast per rilassare l’utero che è sempre un poco contratto, complice anche l’ansia che non mi abbandona mai. Vi ringrazio di cuore.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora , grazie per le belle parole anche da parte dei miei colleghi e dalla redazione.
Lo scollamento del polo inferiore del sacco può essere conseguenza di una attività contrattile uterina oppure di una inserzione placentare bassa. Gli esiti generalmente sono favorevoli e non portano a conseguenze negative per il proseguimento della gravidanza.
Naturalmente il controllo successivo con monitoraggio della evoluzione potrà meglio tranquillizzarla. Suggerisco di effettuare tampone vaginale e una urocoltura per
escludere che la causa di questa ipercontrattilità dell’utero sia di natura infettiva, ossia dovuta alla presenza di germi patogeni. Si confronti per questo con la sua ginecologa. Per quanto riguarda le cure che le sono state prescritte, le continui fino a quando le è stato indicato: nessuno più di chi la sta seguendo (che conosce la situazione perché ha modo di valutarla “dal vivo”) può dirle cosa è opportuno fare. Nessun medico, da remoto, può invece interferire sui suggerimenti del Curante. Cerchi anche, se possibile, di scacciare i brutti pensieri: so benissimo che è facile a dirsi, molto meno a farsi, tuttavia tenga presente che preoccuparsi troppo non è utile ai fini del buon andamento della gravidanza e, in più, le impedisce di godere di questo periodo che, più avanti, quando abbraccerà suo figlio (o figlia) rimarrà nella sua memoria come uno tra i più belli della vita. Mi tenga aggiornato, se lo desidera. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti