Sanguinamento in gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 11/12/2020 Aggiornato il 11/12/2020

In gravidanza, le contrazioni uterine indotte, per esempio da un rapporto sessuale, possono avere come conseguenza un modesto sanguinamento.

Una domanda di: Martina
Sono alla mia prima gravidanza, sono di 12 settimane e 6 giorni, ieri mattina ho fatto la seconda ecografia e il mio
bambino sta bene, la sera mi accorgo di avere alcune macchie di colore rosso vivo della durata di un quarto d’ora, dopodiché diventano marroni scuro ,
fino a diventare marroni chiare stamattina. Non ho nessun dolore ma sono molto preoccupata, la mia ginecologa mi ha prescritto il progeffik per due
settimane e mi ha detto di non preoccuparmi, specie se il sanguinamento é arrivato dopo un rapporto della sera prima. Mi conferma che posso stare
tranquilla? Grazie in anticipo.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve Martina, certamente bisogna che lei si fidi della sua Curante ginecologa…le ha detto la verità! Quando in gravidanza si effettua una visita ginecologica, un’ecografia interna oppure si ha un rapporto sessuale, è facile che l’utero di riflesso si contragga. L’utero ha una notevole componente muscolare e tutto quello che è stimolazione meccanica di questo organo, ha come conseguenza una contrazione più o meno forte. Ebbene, queste contrazioni uterine possono provocare quel sanguinamento (per fortuna modesto) che lei ha notato in questi giorni. Direi che il progesterone ovuli può essere un ottimo rimedio per mantenere l’utero rilasciato e vedere sparire le perdite di sangue che tanto l’hanno spaventata.
Nel frattempo, vorrei precisare che sarebbe il caso di preoccuparsi se le perdite da marroni diventassero di colore rosso vivo e abbondanti come una mestruazione, qualora invece rimanessero scarse e di colore marrone ancora per alcuni giorni, non sarebbero motivo di allarme.
Spero di averla rincuorata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti