Sanguinamento nel primo trimestre di gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 23/10/2020 Aggiornato il 23/10/2020

L'impiego di ovuli al progesterone, soprattutto se unito a un ragionevole riposo (niente sforzi fisici intensi), può essere sufficiente per consentire alla gravidanza di evolversi, anche se si sono verificate perdite di sangue.

Una domanda di: Francesca
Sono alla 10 settimana di gravidanza ed ho avuto delle piccole perdite di sangue, il ginecologo dice che la placenta è di
inserzione bassa e si è un po’ strappata: da qui il sanguinamento. Per una settimana devo usare degli ovuli di progesterone e stare tranquilla…ma
stare tranquilla vuol dire che devo stare ferma oppure posso fare cose normali senza fare sforzi? E si sistemerà da sola questa cosa?
Grazie mille.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, all’inizio della gravidanza è un fenomeno piuttosto frequente la perdita di piccole quantità di sangue e il riscontro all’ecografia di un distacco chorion-deciduale (ossia tra la placenta e il tessuto che riveste l’interno dell’utero). Le confermo che è una buona idea assumere il progesterone in ovuli in quanto questo ormone, deputato al mantenimento in essere della gravidanza, aiuta l’utero a rimanere rilassato così da facilitare la completa formazione della placenta e il riassorbimento del distacco. Non direi sia indispensabile l’allettamento ma è certamente utile almeno nei primi tempi limitare al massimo gli sforzi fisici anche lievi (ad esempio i mestieri domestici), cercando di alternare momenti in cui è sdraiata ad altri in cui è seduta o semi-seduta (divano-letto-poltrona per intenderci). Se le perdite ematiche cessano, si potrà gradualmente riprendere la vita di prima. Un modo per verificare che tutto va bene, oltre all’assenza delle perdite ematiche, è osservare se avverte dolori pelvici o lombari simili a quelli del ciclo mestruale. In assenza di dolori pelvici, soprattutto alla sera, può concludere di non aver esagerato con l’attività fisica quotidiana, viceversa sarà importante mantenere il riposo come sopra le ho suggerito.
Spero di esserle stata di aiuto, vedrà che “questa cosa” si sistemerà molto presto e anche la placenta bassa resterà solo un ricordo (a 10 settimane è bassa praticamente per definizione: l’utero deve ancora distendersi in tutto il suo splendore. A mio avviso ha più senso la definizione di placenta bassa a partire dall’ecografia morfologica che si effettua attorno alla 20° settimana).
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti