Sanguinamento vaginale in menopausa

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 16/01/2024 Aggiornato il 16/01/2024

Le perdite di sangue dopo la menopausa vanno sottoposte tempestivamente all'attenzione del ginecologo: rappresnetano, infatti, un segnale da non sottovalutare.

Una domanda di: Silvana
Sono un po’ preoccupata: ho preso per dieci giorni degli ovuli, da tre giorni ho smesso e ho perdite di sangue. Sono in menopausa (ad aprile sarà un
anno che non ho il ciclo), ma ho avuto rapporti fino al 30 dicembre. Perché mi sta succedendo? Sono preoccupata, grazie spero in una risposta buona.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
la menopausa si decreta dopo un anno di assenza di mestruazioni. Lei purtroppo non mi dice quanti anni ha, ma se ne ha 50 o più possiamo ritenere
che davvero sia in menopausa anche se alla conclusione dell’anno mancano due mesi e mezzo. Purtroppo non dice neppure perché sta mettendo gli ovuli
(secchezza vaginale, forse?) né se ha effettuato i tamponi vaginali per escludere infezioni. Di certo da remoto, con così scarse informazioni (almeno l’età le assicuro che è un dato indispensabile per tutti medici e, a maggior ragione, per noi ginecologi), non posso azzardare alcuna ipotesi. In generale posso solo dirle che un sanguinamento dopo la
menopausa è un segnale importante, da non sottovalutare, ma da sottoporre tempestivamente all’attenzione del ginecologo. Una visita e un’ecografia
permetteranno di capire cosa sta succedendo. Se lei, invece, ha meno di 45 anni faccia un test di gravidanza. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti