Sciroppo contro il reflusso: quanto prima della poppata si dà?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 02/12/2022 Aggiornato il 02/12/2022

I preparati anti-reflusso vanno somministrati al lattante poco prima del pasto.

Una domanda di: Michela
Salve, grazie mille di aver risposto alla domanda che le avevo posto riguardo la bronchiolite di mio figlio. Abbiamo fatto la visita al piccolo e la bronchiolite sembra essere passata, ma la tosse persiste. La pediatra a quetso punto mi ha prescritto uno sciroppo per il reflusso e mi ha detto di dare un solo ml prima delle poppate quando sul bugiardino sono indicati 2,5 ml. È solo un gionro che facciamo questo trattamento ma sembra che ancora la tosse persista. Ci vogliono giorni prima di avere un risultato o era possibile notare la differenza da subito e a questo punto è troppo poco lo sciroppo? Quanto tempo va dato prima delle poppate? Io non faccio passare tanto tempo. Grazie mille in anticipo.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara signora, sì sì, provi a utilizzare un millilitro in più rispetto alla dose attuale, poi deve anche attendere qualche giorno per capire come vanno le cose. Come giustamente ha pensato, la risposta non è immediata. La dose può essere aumentata specialmente se la somministra nei pasti dove il problema risulta più evidente. Dia il prodotto appena prima della poppata. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti