Scoraggiata (senza motivo) per il valore delle beta

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 12/07/2023 Aggiornato il 12/07/2023

La gravidanza è lunga: meglio evitare di preoccuparsi quando non ve ne sarebbe alcun motivo, come nel caso in cui il valore delle beta sia perfettamente nel range di riferimento.

Una domanda di: Giovanna
Salve, ho da qualche giorno scoperto di essere incinta. Ultimo ciclo il 7 giugno. Oggi ho eseguito le prime beta e sono a 91.30. Sono basse? Mi sento un po’ scoraggiata. La tabella di riferimento mi dà 4-5 settimane da 75 a 2600. Grazie.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora, lei secondo il calcolo ostetrico quando ha effettuato il dosaggio delle beta era a 4 settimane + 6 giorni, quindi il valore delle sue beta era perfettamente nel range di riferimento (che peraltro lei stessa riporta) e non è chiaro che cosa esattamente la scoraggi. In più, un unico valore delle beta dice poco: quello che conta è che aumenti con il passare dei giorni. Ma è sconsigliabile sottoporsi a più dosaggi delle beta di propria iniziativa (diverso è quando per qualunque ragione è il ginecologo a prescriverli ma non mi sembra sia questo il caso), visto che l’unica cosa che serve quando le mestruazioni sono in ritardo è appurare che la gravidanza sia iniziata e che per questo sarebbe più che sufficiente il test di gravidanza che si effettua sulle urine. Lasci perdere dunque il prelievi di sangue, il sangue le è utile in questo momento! L’unica cosa che deve fare ora è fissare l’ecografia verso la sesta settima settimana, perché è l’ecografia che ci dirà quello che dobbiamo sapere ovvero se l’embrione si è annidato nell’utero e se il battito del cuoricino è visibile. Mi permetto di dire che se con appena alcuni giorni di ritardo è in questo stato d’animo allarmato temo che le si prospettino mesi di ansia e di paura: la gravidanza è lunga meglio affrontarla con ottimismo serenità e buonumore, altrimenti si rischia di trasformare un’esperienza bellissima e gratificante in un periodo inutilmente buio (per poi magari rimpiangere di non esserselo goduto). Il mio consiglio è dunque di fissare con calma l’ecografia che è l’indagine che ci mette tranquilli sull’evoluzione della gravidanza e di guardare alla gravidanza con gioia e fiducia, evitando di scoraggiarsi quando non ve ne è alcun motivo. Mi tenga aggiornato. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti