“Scossette” strane nel secondo trimestre di gravidanza

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 15/03/2019 Aggiornato il 15/03/2019

In gravidanza, la comparsa di lievi fastidi non associati a sintomi che possono far pensare a un'infezione di solito non è significativa dal punto di vista medico.

Una domanda di: Simona
Salve sono alla 18° settimana di gravidanza ed ho delle “scosse” proprio sotto… vorrei sapere da cosa possono dipendere. Grazie per la risposta.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Cara signora, intanto auguri per la sua gravidanza.
I sintomi da lei riferiti non sono rappresentativi di eventi patologici della gravidanza, piuttosto probabili effetti della stessa in relazione al cambio ormonale o alla situazione circolatoria.
Se associati a altri disturbi , urinari o perdite vaginali, potrebbero essere rappresentativi di infezioni meritevoli di valutazione specialistica con eventuale terapia specifica. In altre parole, se le scossette che lei riferisce non sono associate ad altri sintomi può stare tranquilla, altrimenti è opportuno un controllo dal ginecologo. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Psicofarmaci in gravidanza: si possono assumere?
22/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono psicofarmaci compatibili con la gravidanza e con l'allattamento, quindi non è necessario sospenderne l'assunzione, anche se è opportuno che lo psichiatra li prescriva alla dose minima efficace.   »

Sulla riuscita della PMA
16/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il successo della procreazione medicalmente assistita dipende strettamente dall'età della donna.   »

Vaccinazioni: quanto aspettare dopo una malattia febbrile?
02/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Per ottenere la massima risposta immunitaria da una vaccinazione, occorre praticarla quando la condizione di salute del bambino è ottimale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti