Se si rimane incinta mentre si prende la pillola le “false mestruazioni” arrivano?

Dottoressa Elisabetta Canitano A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano Pubblicato il 29/11/2022 Aggiornato il 29/11/2022

L'emorragia da sospensione può verificarsi o anche non verificarsi sia che non sia iniziata una gravidanza sia nel caso (rarissimo) in cui sia iniziata nonostante l'assunzione della pillola.

Una domanda di: Giorgia
Avrei una curiosità: in caso di gravidanza, l’assunzione della pillola può indurre comunque il classico “falso ciclo” oppure, come nei casi normali, le mestruazioni non vengono?
Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Cara Giorgia, non c’è una risposta esaustiva. Le mestruazioni possono mancare perché si è incinta o mancare senza che si sia incinta, e così l’emorragia da sospensione (così si chiama il sanguinamento che si verifica nell’intervallo tra un blister della pillola e l’altro) può esserci o non esserci e non è definitiva. In generale, stabilito che rimanere incinta con la pillola presa correttamente, in assenza di cure con farmaci che possono interferire con il suo effetto e di episodi di vomito o di diarrea che possono impedirne il corretto assorbimento è veramente raro, così rarro da suggerire che non valga la pena di preoccuparsi di questa eventualità, proprio come non si va con il paracadute su un aereo di linea, perché è veramente molto molto difficile che l’aereo cada. Se però mi chiedi “ho un modo sicuro di capire se sono rimasta incinta con la pillola ?” la risposta è no, non ce l’hai. L’unico modo sicuro è fare il test di gravidanza tutti i mesi. D’altra parte chi ha paura di volare l’aereo non lo prende affatto. Oppure lo prende e fa gli scongiuri. L’aereo si prende per divertirsi, per andare in vacanza in posti lontani, per abbreviare i tragitti. La pillola per fare l’amore in pace, non rimanere incinta, e avere il massimo del piacere sessuale. Le preoccupazioni ulteriori sono a scelta. E’ lo stesso discorso per altre situazioni della vita: andare in vacanza in macchina, attraversare la strada, rientrare a casa di notte. Insomma ahimè non c’è una risposta soddisfacente, mi dispiace…

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti