Seconda gravidanza con ovaio policistico

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 21/04/2020 Aggiornato il 21/04/2020

Le terapie che favoriscono la gravidanza vanno affrontate solo dopo aver indagato con opportuni esami sulla condizione ormonale e metabolica.

Una domanda di: Mary
Mi dispiace il mio lungo discorso ma è bene spiegare tutto. Ho 30 anni e soffro di ovaie policistiche da sempre e non ho mai preso nulla
per questo. Nel 2016, quando mi sono sposata, per la ricerca di una gravidanza mi sono recata da un professore specialista in fertilità, che mi ha
fatto fare varie analisi, mi ha prescritto la metformina 500 (3 volte al dì) e il chirofol 500…facevo i controlli ecografici e alla presenza del
follicolo mi ha prescritto il gonasi 5000. Dopo 2 mesi di cura ero in gravidanza e tutto è andato bene e ho il mio bel bimbo.
Da settembre stiamo cercando una nuova gravidanza e ho ricominciato la stessa cura… ma finora nulla. Fino a dicembre il ciclo non arrivava se non
indotto con progesterone. A gennaio e febbraio il mio ginecologo mi prescrive il clomid, il primo mese ho avuto un ciclo di 34 giorni, con la seconda volta di
clomid (febbraio) il ciclo ancora non si vede. Ho avuto un’ovulazione certa
il 23 marzo e l’8 aprile ho fatto le beta che sono risultate negative.
Può essere che che con il clomid il ciclo non arrivi? Se l’ovulo non è stato
fecondato con il clomid non dovrebbe arrivare il ciclo? Forse fare le beta a
16/17 gg era troppo presto?
La ringrazio infinitamente per la pazienza e per le eventuali risposte.
Cordiali saluti.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora, sarebbe opportuno, prima di fare una terapia ormonale, fare il punto della situazione dal punto di vista ormonale e metabolico (valutare gli ormoni dell’ovulazione, gli androgeni ovarici e surrenalici, la tiroide, la prolattina, e vedere una curva insulinemica). Poi il clomifene non sempre è sufficinete, e quando è sufficiente non è matematica la gravidanza. 16-17 giorni andavano bene per misurare le beta-hCG quindi un risultato negativo esprime che la gravidanza non è iniziata.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Talco al cambio del pannolino? Meglio di no!

25/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Il talco è un prodotto che non è opportuno usare per la cura dei bambini perché può causare vari problemi.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Lockdown, com’è difficile gestire i bambini!

14/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Il lungo periodo dell'isolamento è stato spesso pesante per i genitori, che non di rado ora si trovano alle prese con bimbi improvvisamente più disobbedienti e capaci di grandi marachelle.  »

Fai la tua domanda agli specialisti