Secrezioni vaginali anomale, ma tampone negativo: cosa può essere?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 18/01/2024 Aggiornato il 18/01/2024

Se il tampone vaginale non evidenzia infezioni, per provare a risolvere eventuali perdite vaginali di odore spiacevole si possono attuare alcuni particolari accorgimenti, tra cui, per esempio, non indossare pantaloni troppo attillati.

Una domanda di: Una lettrice
Buongiorno,
vorrei gentilmente un vostro parere circa questo problema: a marzo 2023 mi è arrivato il capoparto dopo la mia seconda gravidanza (parto 3/10/22) e da
allora le mestruazioni sono abbastanza regolari ogni mese. Quello che però ho notato è che spesso ho perdite biancastre che noto sulle mutandine,
cattivo odore e perdita di muco biancastro/giallognolo dopo la minzione e a volte anche perdite rosate sulla carta igienica. Ho eseguito un tampone
vaginale in ospedale che è risultato negativo e analisi delle urine e urinocoltura, negative. A volte ho pruriti, altre volte no. Come posso risolvere questo problema?
Grazie.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, in effetti è strano che il suo tampone vaginale e l’urinocoltura siano negativi nonostante tutti questi sintomi (perdite maleodoranti e prurito in particolare).
Di sicuro lei sarà già attenta ad evitare l’impiego di proteggi-slip (sono un terreno di coltura ideale per i microbi) e ad indossare biancheria intima di cotone, evitando al tempo stesso gli indumenti troppo attillati (il caldo e il sudore non aiutano di certo).
Immagino non ecceda nell’impiego di detergenti intimi o di irrigazioni interne vaginali (rischiano di rimuovere i batteri “buoni” che ci proteggono dalle infezioni ossia i Lattobacilli).
Qualora soffrisse di intestino pigro o addirittura di stipsi, le direi che il modo migliore per evitare i fastidi intimi, è quello di prendersi cura attraverso dieta sana e idratazione adeguata della regolarità del suo intestino in quanto sia la Candida che altri batteri spesso colonizzano le vie genitali provengono proprio da lì.
Rispetto al prurito, posso sospettare che sia coinvolta la Candida e le direi che un rimedio molto semplice è il bicarbonato in polvere sciolto nell’acqua del bidet (2-3 cucchiai). Inoltre, l’assunzione di fermenti lattici per bocca (ad esempio Dicoflor Elle compresse) o per via vaginale (per esempio Normogin ovuli oppure Dicoflor Elle med capsule vaginali) può essere di grande aiuto nel mitigare ed anche risolvere i sintomi che mi riferisce.
Se anche con questi accorgimenti non trovasse soluzione al suo problema, sarebbe utile ripetere almeno il tampone vaginale e programmare una visita ginecologica di controllo per discutere la strategia migliore alla luce dell’esito del nuovo tampone.
Resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti