Semplice aderenza o fimosi serrata?

Dottoressa Alessia Bertocchini A cura di Dottoressa Alessia Bertocchini Pubblicato il 14/09/2022 Aggiornato il 14/09/2022

Solo attraverso la visita "in presenza" è possibile stabilire se la chiusura del prepuzio è espressione di una fimosi che richiede l'intervento del bisturi oppure è una semplice adereza che si può risolvere con la "ginnastica".

Una domanda di: Simona
Ho un bimbo di 6 anni (7 a marzo) a cui ancora non si è aperto il prepuzio. Il mio pediatra è vecchia scuola e fin da subito, con l’altro mio figlio, ha voluto che facessi il massaggino per aprirlo anche a costo di ferirlo “perché indispensabile” a suo parere. Una volta lo ha fatto lui perché a suo dire non lo facevo abbastanza, causandogli una ferita che non ha avuto neppure facile guarigione. Dopo questo mi sono informata se fosse proprio necessario o meno e ho scoperto che non avrei dovuto fare proprio nulla, quindi mi sono fermata e si è aperto da solo. Ora con questo secondo figlio, ho lasciato far da sé , ma ancora non é successo nulla e mi chiedevo se c’é qualcosa che posso fare per aiutarlo ad aprirsi da solo o devo per forza portarlo dal pediatra per il discorso circoncisione. Potrei avere una dritta? Ringrazio grandemente per la risposta!
Dottoressa Alessia Bertocchini
Dottoressa Alessia Bertocchini

Gentile signora, il bambino deve essere visto dal chirurgo pediatra che deve stabilire se siamo in presenza di una semplice aderenza baleno-prepuziale oppure di una fimosi serrata. Nel secondo caso occorre necessariamente effettuare l’intervento chirurgico di circoncisione. Altrimenti si può tentare con la ginnastica prepuziale, da effettuare con mano lieve dopo aver applicato sul prepuzio una crema al cortisone (che lo amorbidisce e ne facilita la discesa verso il basso). A volte è il pediatra chirurgo che, dopo aver escluso la fimosi, esegue la manovra in ambulatorio utilizzando una crema anestetica locale affinché il bambino non senta dolore. Di solito però, se appunto non è fimosi, basta che sia il bambino dopo il bagnetto a far scorrere il prepuzio sul glande, piano piano, giorno dopo giorno. Ricapitolando: ora è necessario che un chirurgo pediatra visiti il bambino, se naturalmente il pediatra di libera scelta non è in grado di stabilire se siamo o no in presenza di una fimosi. Se c’è fimosi occorre la circoncisione, altrimenti basta la ginnastica prepuziale. Da effettuare con criterio, però, senza causare lesioni. Io le ho accennato come, il chirurgo pediatra glielo rispiegherà ancora meglio. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti